Close

+39 051 41 21 464  info@lgssportlab.com

Le 10 cose che non sapevi sui Mondiali di calcio

1) Paolo Maldini, grazie ai tanti tempi supplementari, è il calciatore che ha giocato per più tempo ai Mondiali: ben 2216 minuti.

2) A livello di presenze, invece, il recordman è Lothar Matthäus, 25 gare giocate in cinque mondiali consecutivi tra il 1982 e il 1998. Matthäus condivide con il messicano Antonio Carbajal e con Gigi Buffon anche il maggior numero di mondiali giocati, cioè 5.

3) Il capocannoniere “in carica” è il colombiano del Bajer Monaco James Rodríguez, ha ottenuto al suo primo Mondiale, il titolo  grazie alla sei reti messe a segno in cinque partite disputate. È la prima volta che un colombiano si aggiudica questa classifica, anche perché prima del Mondiale 2014 nessun giocatore di questo Paese aveva messo a segno più di due reti nella Coppa del Mondo.

4) I Mondiali di Russia 2018 saranno la penultima edizione a 32 squadre. Il format a 32 squadre andrà in pensione nel 2026 con l’allargamento a 48 nazionali partecipanti. Sarà il terzo storico ampliamento della fase finale della Coppa del Mondo dopo il passaggio da 16 a 24 squadre di Spagna ’82 e da 24 a 32 squadre di Francia ’98.

5) Ai Mondiali Russi è presente il calciatore più vecchio di tutte le edizioni. Entra nella leggenda l’egiziano classe ’73 Essam El Hadary. L’eterno portiere dei Faraoni, già titolare nella Coppa d’Africa 2017, è sceso in campo all’età di 45 anni e 161 giorni diventando il giocatore più vecchio di sempre a disputare una partita della fase finale di un Mondiale. Record conquistato appena 4 anni fa da un altro storico portiere: il colombiano Faryd Mondragon tra i pali fino a 43 anni.

6) Tra i giocatori presenti al mondiale, Thomas Müller è quello più prolifico: ha messo a segno 10 reti nelle sue precedenti esperienze. Sarà dura, però, raggiungere il recordman assoluto nella storia dei mondiali, che è un altro tedesco: Miroslav Klose (16 gol in tutto).

7) Strategia dell’Iran per la partita con il Portogallo. Alla vigilia del match contro il Portogallo, i tifosi dell’Iran sono andati sotto l’hotel di Cristiano Ronaldo e compagni per disturbare il riposo dei lusitani. Dopo qualche minuto di chiasso, cori e tamburi, proprio il capitano della Nazionale si è affacciato alla finestra della sua camera per supplicare gli iraniani, con ampi gesti, di fare silenzio.

8) La Repubblica di Panama, stato dell’America Centrale, disputa in Russia la prima Coppa del Mondo della sua storia. Durante le qualificazioni, un gol fantasma contro il Costa Rica ha infatti dato il via alla festa di Panamà che per la prima volta ha avuto accesso ai Mondiali. Niente, nonostante le polemiche per quella rete, ha potuto rovinare la festa di Panama dove al momento del goal dell’altro Torres, Roman, tutti sono esplosi in un urlo liberatorio quanto irrefrenabile. L’urlo che riscrive la storia. Tanto che il Governo locale, al fischio finale di Panama-Costa Rica, ha deciso addirittura di proclamare un giorno di festa nazionale proprio per celebrare la qualificazione ai Mondiali. Il valore di mercato totale della rosa pari a 8 milioni, praticamente quanto un normale giocatore di una media squadra di Serie A.

9) Samira, unica giornalista iraniana di sesso femminile ad essere partita alla volta della Russia: è una notizia epocale per il mondo arabo. La donna ha portato avanti il proprio messaggio rivoluzionario posando davanti alle telecamere senza l’usuale velo che è costretta ad indossare nel proprio paese natale.

10) La maledizione dei Campioni. Nelle ultime 5 edizioni, le 4 Nazionali detentrici della Coppa del Mondo sono uscite ai gironi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER